WHAT

Copertina_0046

Per molto tempo la cucina vegetariana ha rappresentato, in ambito professionale, una proposta di minore portata e quindi è stata trattata dai più con superficialità e frettolosità. Tuttavia da alcuni anni un numero crescente di persone si sta interessando al mondo vegetariano in tutte le sue forme; c’è chi lo fa per motivi etici, altri per ragioni legate alle proprie scelte religiose (es. buddhismo, induismo…), altri ancora per logiche riconducibili all’ecosostenibilità e così via.

Molto spesso i vegetariani che entravano nei nostri ristoranti erano visti, dai noi ristoratori, non come nuove opportunità di crescita, ma al contrario come degli ospiti meno graditi rispetto a quelli cosiddetti tradizionali.

I ristoratori spesso si chiedevano: «Ma cosa posso mai cucinare per questi bizzarri clienti, se non mangiano carne e pesce?». Oppure: «La mia cucina non è attrezzata per richieste del genere, perché non mi avete avvisato prima del vostro arrivo?». Ho scelto queste due obiezioni tra le tante possibili perché rappresentano bene lo stato nel quale si sono trovati contrapposti, per troppo tempo, cuochi poco informati e clienti vegetariani confusi e impauriti. Ho addirittura conosciuto persone che in alcuni ristoranti non sono stati messi a sedere a causa delle loro scelte alimentari. Ma la realtà sta velocemente cambiando! 

For a long time vegetarian cuisine has represented, in professional terms, a less popular option and has therefore been treated with superficiality and haste. However, for some years now there has been a growing number of people interested in vegetarianism in all its forms; there are those that do it for ethical reasons, others for religious reasons (e.g. Buddhism, Hinduism), others for eco-sustainability reasons and so forth. Very often the vegetarians that came to our restaurants were seen, by us restaurateurs, not as newopportunities for growth, but, on the contrary, as guests that were less welcome than so-called traditional guests. Restaurateurs often wondered: “What can I cook for these bizarre clients, if they don’t eat meat or fish?”. Or: “My style of cooking isn’t set up for these requests, why didn’t they warn me before coming?”. I chose these two objections from the many possible objections because they represent the situation that poorly informed chefs and confused and scared clients find themselves in. I even know people who weren’t even invited to dine due to their dietary choices. But this reality is quickly changing!

 

 

Puoi acquistare il libro, a 35.00€,  compilando i campi qui sotto.

Paga con paypal e il libro ti verrà spedito immediatamente e gratuitamente!